Care Rivaltesi e cari Rivaltesi vi auguro Buon Natale e Felice Anno Nuovo

domenica, dicembre 24, 2017 Michele Colaci Staff

Care Rivaltesi, Cari Rivaltesi,
il Santo Natale, oltre a essere un periodo di festa, rappresenta anche un periodo di meditazione.

Approfittando quindi, del momento, un augurio di cuore va a tutte quelle persone che sono alla ricerca di un lavoro, sperando che l'anno nuovo, possa portare loro un po' di tranquillità.

Un augurio speciale va anche a tutti i nostri giovani che sognano di trovare se stessi,  all'interno delle nostre comunità,  senza  emigrare all'estero per doversi realizzare.

Un augurio particolare a tutte quelle persone, volontari e associazioni che mettono a disposizione il loro tempo, le loro esperienze per aiutare la crescita della nostra città.

Un augurio sincero anche alla nostra Amministrazione Comunale e al Sindaco Nicola De Ruggiero, auspicando che facciano partire tutti quei progetti, promossi in campagna elettorale, attesi da tempo.

Chiudo augurando a tutta la nostra comunità buone feste, confidando che la nostra città diventi sempre di più "Rivalta da Vivere".

Michele Colaci
Consigliere Comunale


Michele Colaci vi invita al Convegno che si terrà Lunedì 23 Ottobre alle ore 21:00 presso la Biblioteca Silvio Grimaldi

venerdì, ottobre 20, 2017 Michele Colaci Staff

Michele Colaci vi invita al Convegno che si terrà Lunedì 23 Ottobre alle ore 21:00 presso la Biblioteca Silvio Grimaldi a Rivalta in Piazza Martiri della Libertà 2. Tema della serata "Impresa e lavoro, come uscire dal declino", relatore l'On.Mino Giachino, ex sottosegretario governo Berlusconi. La serata proseguirà con un bilancio dei primi cento giorni della giunta De Ruggiero, interverranno il capogruppo di Forza Italia Michele Colaci e i coordinatori delle liste partecipanti.

Vi aspettiamo numerosi.


11 Luglio 2017, primo consiglio comunale, l'intervento di Michele Colaci

venerdì, settembre 29, 2017 Michele Colaci Staff

L'11 Luglio 2017 si è svolto il primo consiglio comunale a Rivalta di Torino, prende la parola il Consigliere Capogruppo Michele Colaci, che ricorda, innanzitutto, la fine della campagna elettorale e che sia, quindi, giunto il momento per la Maggioranza di dare seguito a quanto indicato nel programma, mettendosi al lavoro.
Precisa che i candidati Sindaco erano quattro, tutti con idee diverse di paese, e la cittadinanza ha scelto la proposta della Maggioranza in quanto il programma rispecchiava un progetto di paese: pertanto ora essa ha il diritto e il dovere di dare risposta a quanto era stato scritto.
      Pone l'accento innanzitutto sulla questione del forte astensionismo del corpo elettorale: un dato che deve allarmare tutti. Si evince, tra gli astenuti, che i giovani non sono andati a votare e bisognerebbe saperne la causa.
      Precisa di aver apprezzato l'intervento del Presidente Tommasino, che ha sottolineato di esser giunto a Rivalta, a Tetti Francesi, quando era bambino; purtroppo, però, oggi i bambini a Tetti Francesi non ci vanno più.
    Occorre capire quali siano le motivazioni che hanno indotto l'elettorato a non andare a votare e, soprattutto, i giovani a non sentirsi rappresentati da tutta la classe politica a “trecentosessanta gradi”.
      Tutta la classe politica, incluso lui stesso, si autogiustifica sull'astensionismo dicendo che la popolazione era in vacanza, ma, parlando con le persone, ha capito che non era proprio così, perché le persone hanno scelto di non andare a votare, perché non si sono sentite rappresentate da alcun candidato: ciò è indicativo dell'esistenza di un problema di fondo, dal quale occorre partire.
   Per quanto concerne la tematica del lavoro sottolinea che, nel caso in cui l'Amministrazione presenti all'assemblea consigliare iniziative che possano migliorare la vita dei Rivaltesi in generale e risolvere i problemi occupazionali, il suo Gruppo sosterrà la stessa, ma è necessario che questa si attivi immediatamente per la risoluzione di alcuni problemi.
       La soluzione sta nella capacita di attrazione delle aziende affinché preferiscano investire sul territorio rivaltese anziché su altri, condizione che fino a qualche anno fa si stava verificando, mentre ora occorre cercare di rispolverare i presupposti per le suddette realizzazioni.
    Il lavoro costituisce una priorità e su di esso non esiste contrapposizione politica: ribadisce che il tuo Gruppo è dalla parte dei Rivaltesi e sosterrà ogni proposta relativa all'occupazione.
      Precisa però che il Gruppo farà opposizione sul programma elettorale, in particolare su determinate problematiche quali la sicurezza, sulla quale si ritiene insufficiente la proposta della Maggioranza.
     Sottolinea la necessità, attraverso lo stanziamento di risorse, di creare una collaborazione tra il Comando dei Carabinieri di Orbassano e il Corpo di Polizia Municipale, una modalità per consentire un presidio del territorio, attraverso progetti integrativi in forza dei quali la Polizia Municipale possa effettuare una turnazione serale a tutela del territorio, anche per sgravare i Carabinieri stessi da incombenze burocratiche.
       Per quanto concerne la partecipazione, vista la grande astensione dal voto, specie dei giovani, ripropone uno dei punti cardine del programma da lui presentato, ossia la creazione di “Comitati di quartiere” per consentire a tutti i cittadini di partecipare alle iniziative condivise dal Comune. Essi devono essere operativi a supporto dell'Amministrazione Comunale: sarà compito della classe politica recarsi poi dai cittadini, presentando i propri progetti e recependo, del caso, i loro: questo è uno dei metodi per ridurre l'astensione, in quanto negli ultimi anni la classe politica ha avuto, tra i suoi difetti, quello di essere autoreferenziale, ossia di considerare ciò che essa stessa dice come la “cosa”  sempre migliore, ma detto pensiero è stato ampiamente smentito nei fatti dall'astensionismo.
     In merito all'area ex Casermette sottolinea la vaghezza del Sindaco, che ha proposto prima un giardino e poi un altro: si tratta di un'area di valore, indicativamente di € 8.000.000.00, e tutte le Amministrazioni susseguitesi l'anno lasciata lì senza una resa: è una situazione che capita solo nelle Pubbliche Amministrazioni, non in ambito privato.
      È possibile attuarvi una sinergia tra pubblico e privato per realizzare un poliambulatorio, tanto agognato dai cittadini di Tetti Francesi e Gerbole.
     Precisa l'impossibilità di realizzazione, da parte della Maggioranza, dell'abbassamento delle tasse in quanto perno per le distribuzioni dei servizi a tutta la cittadinanza.
    Sottolinea che nel suo discorso il Sindaco non ha mai parlato delle piccole manutenzioni.
      Informa di aver attuato una compagna elettorale sul territorio, girando per Rivalta alla ricerca degli angoli in cui debbano essere realizzati interventi di piccola manutenzione: piccole criticità verso le quali i cittadini meritano risposte.
       Evidenzia che l'Amministrazione ha permesso interventi nei plessi scolastici ed ora ci si aspetta di vederne la realizzazione.
     Vi è una serie di necessità che il territorio sta aspettando riguardo la copertura in Piazza Gerbidi ed il Castello, il Monastero e la Cappella di San Vittore, cose per cui sembra non vi siano risorse, ma per le quali occorre improntare un ragionamento a più ampia scala, in termini di finanziamenti sovraccomunali.
    Conclude osservando che la Giunta è in parte composta da membri che, precedentemente, erano usciti, tempo prima, dall'Osservatorio nel quale oggi sono decisi a rientrare cosa che, di fatto, significa prendere coscienza della realizzazione dell'opera e arrivare a determinare alcune compensazioni per il paese.
     Sottolinea che nel corso della campagna elettorale l'Amministrazione ha citato la cd. “linea storica” ( si noti che il progetto di riutilizzare la linea storica è il progetto dei NO TAV), ma precisa che la settimana precedente è uscito un comunicato del Commissario straordinario del Governo Paolo Foietta nel quale si rileva che la linea storica è insicura e, quindi, inutilizzabile.
    Rileva per tanto che l'Amministrazione è consapevole dell'irrealizzabilità di quel percorso, trattandosi di una politica difficile da portare avanti, ed anzi, impossibile, per cui in sede consiliare egli può solamente rilevare la sua incongruenza sul tema: ne deriva che sul tema della TAV gli elettori sono stati un poco “presi in giro”.

Guarda il video integrale dell'intervento di Michele Colaci


Buone vacanze estive da Rivalta da Vivere

venerdì, luglio 28, 2017 Michele Colaci Staff

Le vacanze sono alle porte, auguriamo a tutti i cittadini buone vacanze, ci ritroveremo tra poche settimane per ricominciare per Rivalta da Vivere.

Michele Colaci e tutto il suo staff

Proposta per abbassare la tassa rifiuti e far funzionare meglio la raccolta rifiuti.

lunedì, luglio 24, 2017 Michele Colaci Staff

Nel Consiglio Comunale del 27/07/2017 i consiglieri Comunali Colaci e Lamagna presenteranno una mozione che valorizzerà le funzioni delle autonomie locali in tema di rifiuti. Nello specifico tale mozione impegna il Sindaco e l'assessore competente ad esprimere dissenso verso le normative contenute nel disegno di legge regionale del 19 Luglio 2016 n° 217 in fase di approvazione. Nel particolare le minime modifiche proposte dal Gruppo di F.I. della città metropolitana di Torino, mirano a introdurre la possibilità di gestire in proprio la fase della raccolta e della raccolta differenziata.

Tutto ciò, venendo gestito in proprio dai Comuni, garantirà una piena possibilità di organizzare al meglio il servizio, dal posizionamento dei cassonetti, alla modalità di effettuazione della raccolta differenziata, agli orari e percorsi dei mezzi.

Quindi gestendolo esclusivamente per la necessità del Comune stesso e dei propri cittadini.
Infine vi è la convinzione che la gestione a livello centralizzato è nettamente più costosa rispetto a una gestione locale. Basti pensare alle maggiori percorrenze determinate dall'urgenza di trasferire uomini e mezzi dai centri servizi alle singole utenze, anche quelle collocate in montagna e/o campagna.

E per concludere la gestione locale diretta assicura la certezza sui quantitativi di rifiuti prodotti dai singoli Comuni, evitando contestazioni e verifiche comunque oggettivamente impossibili quando si opera con gli stessi mezzi utilizzati a servizio di una molteplicità di enti.

Leggi il testo completo della mozione

Grazie a TUTTI

martedì, giugno 13, 2017 Michele Colaci Staff

Ci tenevo a ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutato e sostenuti in questa campagna elettorale e i 1472 Rivaltesi che ci hanno concesso il loro voto, continueremo a lavorare per il bene della nostra città e a credere nel nostro sogno di una Rivalta da Vivere.

Michele Colaci

Rivalta da Vivere - Usciamo dall'isolamento ed entriamo nel mondo che conta

venerdì, giugno 09, 2017 Michele Colaci Staff

Giungo al termine della campagna elettorale col cuore gonfio di gioia sincera perché in questi mesi ho raccolto il consenso di tanti rivaltesi che hanno davvero a cuore la loro città e che hanno dimostrato di apprezzare il mio impegno al di là delle etichette politiche. La squadra che ha condiviso con me questo cammino è giovane e genuina, animata unicamente dalla volontà di trasformare Rivalta in una città da vivere per tutti e farla diventare una comunità vera.

Durante questa corsa elettorale ho ricevuto molti attacchi personali di ogni genere da parte degli altri candidati, ma mai su temi specifici, mai entrando nella sostanza dei problemi da risolvere e nelle soluzioni da proporre. Ho sempre evitato di replicare in quanto reputo che sia meglio investire tempo ed energie nella concretezza del mio programma piuttosto che disperderle nell'inutilità delle polemiche politiche fini a se stesse. Ho preferito rispondere pensando esclusivamente a Rivalta.

Cominciando dall'incremento della vigilanza sul territorio da parte della Polizia Municipale con l’aumento dell’orario notturno delle pattuglie e continuando con la  creazione di un contatto attivo 24 ore su 24 collocato in un “Edificio della sicurezza” che sia sempre in collegamento con le forze dell’ordine, utile al cittadino per segnalare qualsiasi situazione di emergenza.

Un progetto complessivo verrà presentato per disegnare il futuro dell’area oggi fatiscente delle
Casermette, che invece considero una grande risorsa per il territorio rivaltese. Grazie a ciò verrà data nuova vita alla ricucitura urbanistica di Tetti Francesi con Gerbole e verranno introdotti i servizi mancanti, richiesti da anni, con la presenza di uffici comunali decentrati.

Con lo stesso obiettivo di riqualificazione di quell'area sarà realizzato un poliambulatorio per le esigenze primarie dove, oltre al medico di base, si potranno inserire medici specialisti in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, per offrire un elevato numero di servizi sanitari a tutti i cittadini.
Così come tornerà a vivere piazza Gerbidi, una delle più grandi di Rivalta, ma anche una tra le aree in pieno centro meno utilizzate dalla cittadinanza e animata soltanto una volta alla settimana in occasione del mercato. Di conseguenza ho ravvisato da tempo la necessità di una copertura che permetta di utilizzare quello spazio in più occasioni.

Unitamente alla copertura ho programmato la costruzione di una sala polivalente, ovvero un locale di quartiere da mettere a disposizione delle tante associazioni presenti sul territorio che faticano a trovare spazi dove incontrarsi, un salone di aggregazione che potrà essere anche impiegato per organizzare mostre, eventi ed altre iniziative culturali.

Il patrimonio storico ed artistico di Rivalta è di tutto rilievo ed attende solo di essere valorizzato e rilanciato come il Parco del Monastero, il Castello degli Orsini e la Chiesa dei Santi Vittore e Corona. Spazi vocati a diventare attraenti e fruibili anche per il turismo. Nel corso dell’anno tutti i siti storici saranno sempre visitabili in modo tale da regalare a tutti i visitatori l’opportunità di apprezzare il quadro d’insieme di ciò che la città è in grado di offrire.

Istituzioni pubbliche, enti privati, cittadini ed associazioni si riuniranno in un “Tavolo della cultura e del turismo” attorno al quale confluiranno tutte le richieste dei rivaltesi. Cultura e turismo cammineranno inscindibilmente insieme perché saranno essenziali nel contribuire a rendere la città un luogo anche da visitare.

Desidero che presto Rivalta si svegli scoprendo di essere bella, appetibile e tutta da vivere grazie alla scelta dei rivaltesi che decideranno di sostenermi con il loro voto, consentendomi così di farla diventare subito una sana e splendida realtà.

Michele Colaci

Rivalta da Vivere - Valorizzazione dell'area delle Casermette

mercoledì, giugno 07, 2017 Michele Colaci Staff

Presenteremo un progetto complessivo per disegnare il futuro dell’area oggi fatiscente delle Casermette, che consideriamo una grande risorsa per il territorio rivaltese. In base ad esso, si verrà a creare quella importante “ricucitura” urbanistica di Tetti Francesi con Gerbole, nella quale verranno inseriti anche quei servizi mancanti e richiesti da anni.

Gli spazi per la comunità saranno i protagonisti: si affiancheranno una zona a parco pubblico, un villaggio di piccole casette ad alte caratteristiche di eco-compatibilità, e alcuni edifici che potranno essere utilizzati dalla stragrande maggioranza dei nostri concittadini, tra cui l'Edificio della Sicurezza, un poliambulatorio e uffici comunali decentrati.


Rivalta 360° - Benvenuti a Rivalta da Vivere

lunedì, giugno 05, 2017 Michele Colaci Staff

Abbiamo realizzato dieci video a 360° per spiegare i punti a nostro giudizio più importanti, guardali tutti. Per scoprire di più, qui di seguito potrai visualizzare un riassunto dei tre temi che ci stanno più a cuore.

Guarda il video https://youtu.be/YKP5kiNQjE8

Per approfondimenti leggi il programma completo http://www.michelecolaci.it/2017/05/il-programma-di-rivalta-da-vivere.html

Rivalta 360° - Le Scuole

sabato, giugno 03, 2017 Michele Colaci Staff

Le Scuole di Rivalta sono un eccellenza, vogliamo investire nel mantenimento delle strutture, incentivando i progetti e gli eventi culturali.

Guarda il video https://youtu.be/oMju2nebN1Y

Leggi tutto il nostro programma per maggiori informazioni sul progetto dedicato alle scuole http://www.michelecolaci.it/2017/05/il-programma-di-rivalta-da-vivere.html

Buona festa della Repubblica Italiana

venerdì, giugno 02, 2017 Michele Colaci Staff

"Verde come la speranza di un mondo migliore, bianco come la purezza di intenti, rosso come il sangue versato dagli eroi. Questa è la mia bandiera"

Buona festa della repubblica Italiana
Michele

Rivalta da Vivere - Agricoltura

mercoledì, maggio 31, 2017 Michele Colaci Staff

Rivalta diverrà da vivere se ogni forma di agricoltura sarà incentivata, innanzitutto quando può diventare una risorsa preziosa per l'intera comunità ed assumere quindi  un valore di coesione sociale.
Crediamo che occorra rilanciare la vocazione agricola del paese, incentivando la creazione e lo sviluppo di tutte quelle organizzazioni che per loro natura possano promuovere le colture di qualità e di tipo bio, come gruppi, consorzi e associazioni di tutela.

Questo obiettivo deve passare anche tramite il recupero degli appezzamenti di terreno abbandonati, incentivando i giovani e/o disoccupati al ritorno all'agricoltura, tramite affitto agevolato e/o in comodato d'uso.

Vogliamo inoltre promuovere attività di formazione agricola in modo da proporre l'agricoltura come opportunità di occupazione.

Occorrerà inoltre riservare una particolare attenzione agli agricoltori locali sia nell'organizzazione dei mercati locali, che negli eventi periodici.

Incentiveremo infine il ritorno all'irrigazione naturale, mediante ripristino delle derivazioni di irrigazione dal fiume Sangone.

Il pieno sostegno all'intero territorio agricolo consentirà di trasformarlo in un elemento imprescindibile per la vita dell'intera collettività rivaltese e costituirà anche un ingrediente attrattivo in più per il turismo.

Sono tutti semi grazie ai quali l'agricoltura si rivelerà una ricchezza essenziale per la crescita, lo sviluppo e la riqualificazione ambientale di Rivalta.

Rivalta da Vivere - Commercio

lunedì, maggio 29, 2017 Michele Colaci Staff

Rivalta da vivere non può prescindere dalla presenza di commercianti e dalle condizioni nelle quali si trovano ad esercitare il proprio mestiere. Perché sono parte integrante del tessuto connettivo e sociale della città e contribuiscono in modo determinante a renderlo più vivo.

Occorre prima di tutto creare ed organizzare il tavolo del commercio, ovvero un luogo di confronto costante tra l'amministrazione comunale e gli operatori del settore.
Verranno incentivati tutti i percorsi possibili di semplificazione degli adempimenti burocratici e del contenimento dei tributi locali al fine di agevolare la loro attività sul territorio. Verranno incentivati i cambi di destinazione d'uso, da abitativo a commerciale, dei locali al piano terreno in maniera da creare nuove attività commerciali.

Verrà stimolato il piano colore e insegne per il centro storico.
Verrà stimolata la creazione del centro commerciale naturale in centro e sull'asse commerciale della Via Giaveno.

Verranno inseriti pannelli informativi agli accessi del paese con gli eventi in programmazione e con le comunicazioni istituzionali.

Sarà valorizzato e promosso, in modo condiviso e coordinato, ogni evento legato alla specificità locale (manifestazioni, fiere, mercati dei produttori, sagre, etc.). Molti progetti pilota e sperimentali saranno avanzati e sostenuti avvalendosi di bandi e finanziamenti sia regionali che europei.

Verranno istituiti nuovi mercati e mostre permanenti collocati su tutto il territorio rivaltese, frazioni comprese. Tutto ciò dovrà essere realizzato con la collaborazione delle associazioni e di categoria presenti sul territorio perché, tutto ciò, è ritenuto fondamentale per favorire la presenza di commercianti ed artigiani nel paese. Con la loro collaborazione saranno creati eventi appositamente per sostenere e rendere più solido questo legame.

Il commercio è destinato a costituire la linfa vitale sia dei rivaltesi che del turismo concorrendo a muovere le leve economiche della città PERCHÉ PER NOI I COMMERCIANTI SONO UNA RISORSA NON UN PROBLEMA.




Rivalta 360° - Via Giaveno

venerdì, maggio 26, 2017 Michele Colaci Staff

Oggi ci immergiamo a 360° in Via Giaveno

Voglio realizzare un marciapiede continuo per permettere ai pedoni di camminare in sicurezza. Leggi il programma completo: https://goo.gl/hpXJwI
Guarda il video su YouTube: https://youtu.be/eJlCIvRZmT4

https://youtu.be/eJlCIvRZmT4

Rivalta 360° - Tetti Francesi

mercoledì, maggio 24, 2017 Michele Colaci Staff

Oggi ci immergiamo a 360° nella frazione di Tetti Francesi di Rivalta

Voglio costruire la casa della sicurezza, il poliambulatorio medico e una sede dell'anagrafe. Leggi il progetto completo: https://goo.gl/hpXJwI
Guarda il video su YouTube: https://youtu.be/gyUzQiV3ooA

https://youtu.be/gyUzQiV3ooA

Rivalta 360° - Piazza della Pace

lunedì, maggio 22, 2017 Michele Colaci Staff

Oggi ci immergiamo a 360° in Piazza della Pace di Rivalta di Torino.

Voglio farla tornare un luogo d'incontro della comunità rivaltese. Leggi come intendo riqualificarla: https://goo.gl/hpXJwI

Guarda il video su YouTube: https://youtu.be/MbdQ8AVtBf8

https://youtu.be/MbdQ8AVtBf8

Rivalta 360° - Scuola Materna "Giuseppe Bionda"

sabato, maggio 20, 2017 Michele Colaci Staff

Oggi ci immergiamo a 360° nella Scuola Materna "Giuseppe Bionda" di Rivalta di Torino.

Un'eccellenza divenuta tale grazie agli insegnanti e ai molti volontari che prestano servizio. Leggi come voglio valorizzarla: https://goo.gl/hpXJwI

Guarda il video sul mio canale YouTube https://youtu.be/m4K3hab_lag

https://www.youtube.com/watch?v=m4K3hab_lag

Rivalta da Vivere - La Casa

giovedì, maggio 18, 2017 Michele Colaci Staff

Rivalta sarà da vivere se chiunque si sentirà a casa, ma non solo. La sua riqualificazione passa anche attraverso la valorizzazione della sua ricchezza demaniale.

Riceveranno impulso le politiche ed i progetti d’investimento, pubblico e privato, per la rigenerazione del patrimonio edilizio esistente finalizzata al risparmio e all’efficienza energetica.

Verrà posta particolare attenzione nel favorire le agevolazioni per i proprietari di alloggi disponibili ad affittare attraverso l’attivazione di apposite convenzioni.

Sarà sviluppato il co-housing tramite la ricerca d’investimenti privati e di soggetti interessati a progetti di costruzione e gestione delle proprietà comunali, con la prospettiva di diventarne possessori. 

Verrà anche rafforzato il contributo complessivo disponibile per il sostegno all’affitto.

L’amministrazione rivaltese agirà mossa principalmente dalla volontà d’incentivare il recupero e la ristrutturazione delle aree industriali dismesse, badando inoltre alla messa in sicurezza di tutto il territorio comunale.

Leggi il programma completo di Rivalta da Vivere
 


Il programma di Rivalta da Vivere

lunedì, maggio 15, 2017 Michele Colaci Staff


Grandi Progetti


Sicurezza

Proponiamo un incremento della vigilanza sul territorio da parte della Polizia Municipale con l’aumento dell’orario notturno delle pattuglie, da ottenere attraverso la concertazione di nuovi contratti integrativi di lavoro.
Vogliamo promuovere la sicurezza partecipata attraverso il meccanismo del controllo di vicinato. Avanzeremo una proposta per creare un contatto attivo 24 ore su 24, collocato in un “Edificio della Sicurezza” che sia sempre in collegamento con le forze dell’ordine, utile al cittadino per segnalare qualsiasi situazione di emergenza.
Sarà necessario che le telecamere esistenti vengano collegate alla centrale operativa collocata nel suddetto “Edificio della Sicurezza” e che la vigilanza privata sui beni pubblici possa fare riferimento a tale centrale operativa; quest’ultima, a sua volta, sarà costantemente in contatto sia con la Polizia Municipale che con i Carabinieri.
Verrà altresì proposta la sottoscrizione di una convenzione con una ditta specializzata del settore, attraverso un bando, e ad ogni cittadino che aderirà verrà riconosciuto uno sconto a fronte della spesa sostenuta per il servizio pubblico reso.
I suddetti impegni potranno essere finanziati tramite la destinazione alla sicurezza, non solamente stradale, del massimo della quota prevista dalla normativa degli introiti derivanti dalle sanzioni per violazione a c.d.s.

 

Parco della Collina Morenica

Intendiamo dar corso ad un ambizioso progetto di riqualificazione della collina morenica rivaltese, uno spazio vastissimo e meraviglioso in cui esplorare, passeggiare, imparare e praticare attività fisica, così da renderla più accessibile e fruibile da tutti i rivaltesi e i turisti.
Tale progetto prevede la creazione, tramite la risistemazione dei sentieri storici ed esistenti, di una rete di vie boschive con diverse lunghezze e difficoltà, adatte sia a chi vuole passeggiare, che a chi vuole allenarsi correndo o pedalando; tale rete, tramite il coinvolgimento delle amministrazioni comunali di Rivoli, Villarbasse e Reano, potrebbe raggiungere i 40-50 km di lunghezza e i 2000m di dislivello complessivi tra salite e discese.
Oltre alla risistemazione dell’esistente c’è l’intenzione di inserire nuove attività collegate all'uso della collina e al rispetto dei suoi boschi, che potrebbero essere racchiuse in un centro sportivo dedicato al mondo della bicicletta, ubicato alla base dei boschi, che comprenda un bar (per l’accoglienza ai fruitori della collina e del centro sportivo, ma anche per l’organizzazione di eventi), un percorso per balance bike (dedicato ai bambini da 2 a 8 anni), un tracciato pump track, cross country, enduro e persino downhill (per tutti i biker dal più esperto al meno esperto), un'area dirt park (per BMX o dirt bike); un percorso north shore, ed infine un noleggio di bici elettriche (per permettere anche ai meno allenati e competitivi di poter apprezzare le bellezze della collina e di Rivalta) e un’officina ciclistica.
Nel parco ciclistico così delineato, una volta riqualificata la collina ed i suoi sentieri si potrà organizzare un calendario di gite organizzate in bicicletta, eventi musicali, mostre artistiche o rievocazioni storiche lungo i sentieri della collina.
Infine, il bosco di Rivalta di Torino potrebbe essere il luogo ideale per uno splendido Adventure Park (con percorsi ad ostacoli sugli alberi, ponti tibetani, scale a pioli e liane, percorsi didattici di sopravvivenza, ecc.), che costituirebbe una splendida attrattiva non solo per i cittadini rivaltesi, ma anche turistica, e attività per le scuole.

 

Sport

Occorre intraprendere un progetto che, tramite accordi con Governo, Regione, CONI e privati, possa giungere al finanziamento di un nuovo centro sportivo multidisciplinare a Rivalta, che includa un palazzetto dello sport, una piscina e una palestra comunali.
Vogliamo in ogni caso costruire, su un’area già individuata nelle vicinanze del Parco del Monastero, una tensostruttura coperta che ospiti una pista di atletica e campi da basket e pallavolo.

 

Valorizzazione dell’Area delle Casermette

Presenteremo un progetto complessivo per disegnare il futuro dell’area oggi fatiscente delle Casermette, che consideriamo una grande risorsa per il territorio rivaltese. In base ad esso, si verrà a creare quella importante “ricucituraurbanistica di Tetti Francesi con Gerbole, nella quale verranno inseriti anche quei servizi mancanti e richiesti da anni.
Gli spazi per la comunità saranno i protagonisti: si affiancheranno una zona a parco pubblico, un villaggio di piccole casette ad alte caratteristiche di eco-compatibilità, e alcuni edifici che potranno essere utilizzati dalla stragrande maggioranza dei nostri concittadini, tra cui l’”Edificio della Sicurezza”, un poliambulatorio e uffici comunali decentrati.

 

Castello degli Orsini

Il Castello, vero e proprio simbolo della città, è destinato ad essere il centro organizzativo di tutti gli eventi cittadini e non solo; al suo interno verrà creato un polo culturale integrato dotato di biblioteca, mediateca, aula studio, sala conferenze e ludoteca.
Le aree del Castello ancora da completare avranno destinazioni turistiche, ricettive e a carattere enogastronomiche. Per definire tale progetto nella sua completezza, verrà indetto un concorso di idee, al quale seguirà un bando sopra soglia comunitaria, per la realizzazione e l’affidamento della gestione.

Funzione Pubblica

Bilancio ed Economato

Vogliamo ridurre la spesa pubblica, finalizzando i risparmi alla riduzione della pressione fiscale comunale; anche il gettito derivante dalla lotta all'evasione fiscale deve essere destinato alla riduzione delle imposte.
La revisione della spesa deve costituire il primo passo di un ripensamento complessivo della spesa, a partire dai costi della amministrazione comunale e dai sussidi a partecipate e altri enti territoriali.
Vogliamo esplorare tutte le strade al fine di contenere al minimo le spese, pur nel pieno rispetto della legislazione che impone che l’acquisizione di forniture e servizi sia effettuato tramite convenzioni (MEPA, CONSIP, ecc.), tramite ad esempio accordi con i comuni limitrofi finalizzati allo sfruttamento di ogni possibile economia di scala.
Vogliamo rendere più semplice pagare quanto dovuto. Ogni famiglia potrà ottenere (sia online che di persona) i modelli F-24 pre-compilati in modo che sia facile sapere quanto deve pagare di IMU e TASI.
Imporremo totale trasparenza dei bilanci del Comune e delle società partecipate mediante pubblicazione permanente sul sito Internet di tutte le spese e i ricavi effettuati; tale trasparenza sarà estesa alle spese di rappresentanza di giunta e consiglio: pubblicazione online di tutti gli scontrini, fatture e pezze giustificative di qualsiasi spesa sostenuta a carico del contribuente.
Effettueremo una revisione del regolamento e delle tariffe cimiteriali al fine di riduzione delle medesime.

 

Patrimonio

Vogliamo riconsiderare il piano di dismissioni degli edifici non strategici facenti parte del patrimonio comunale, per acquisire le risorse necessarie per progetti innovativi.
Vogliamo altresì dismettere le quote nelle imprese partecipate dall'amministrazione comunale.
Crediamo importante valorizzare il patrimonio mediante project financing o altri strumenti di finanza partecipata, al fine di mantenere il patrimonio comunale in buono stato di conservazione.
Prenderemo un serio impegno a rispettare in tempi rapidi le direttive ministeriali che impongono l’eliminazione delle locazioni passive, ottimizzando al contempo l’utilizzo degli immobili di proprietà del Comune.

 

Personale

Ridurremo le consulenze esterne, ma cercheremo di valorizzare delle professionalità dei dipendenti, mediante piani annuali di formazione finalizzati a percorsi di crescita, con finalità di progressione orizzontale e verticale.

 

Servizi demografici

L’obiettivo è minimizzare la necessità, per i cittadini, di recarsi presso gli uffici comunali, raggiungendo l’obiettivo tramite l’accesso telematico.
Apriremo presso le frazioni rivaltesi dei punti decentrati degli uffici comunali, ad orario ridotto, in modo che alcune operazioni possano essere svolte senza la necessità di recarsi presso gli uffici centrali.

 

Polizia municipale

Riconsidereremo i compiti della Polizia Municipale, rifocalizzandoli sui compiti tradizionali di polizia urbana, sollevando quindi il personale da tutti quelli che possano essere svolti da altri dipendenti comunali, al fine di riorientare le priorità dei vigili urbani verso una maggior attenzione per la sicurezza dei cittadini.
Ci impegneremo all’aumento della dotazione organica della Polizia Municipale, e al ripristino della gestione associata con i comuni limitrofi della polizia urbana.

 

Migranti e accoglienza

Noi crediamo che non possa esserci accoglienza senza sicurezza; per questo motivo, pur nel massimo rispetto dei principi di solidarietà, si richiederà, per gli eventuali nuovi insediamenti di strutture di accoglienza, il rispetto dei vincoli dati dalla legislazione e dalla regolamentazione comunale.
Sarà pertanto introdotto il vincolo di parere del sindaco per ogni attività connessa all'ospitalità dei migranti, così com'è vincolante quello della Giunta comunale, sempre sulla base dell’ordine pubblico e del benessere collettivo.
In particolare, ai sensi degli art. 50 e 54 del T.U.E.L. e del D.Lgs. 142/2015, si richiederà ai gestori delle medesime il rispetto degli obblighi gestionali e di rendicontazione telematica quotidiana, e il pagamento della tassa di soggiorno individuale per gli ospiti, allo scopo di affrontare i costi aggiuntivi a carico del comune.
Infine, vi sarà un serio impegno nell'adozione di tutte le misure previste dal decreto del ministro Minniti, in violazione del quale è previsto l’allontanamento.

 

Protezione civile

Cercheremo di ricollocare la sede della Protezione Civile in modo da massimizzare integrazione e collaborazione con Polizia Municipale e Vigili del Fuoco.
Estenderemo ad H24 l’orario dell’Alert System, permettendone l’utilizzo non solo alla Polizia Municipale ma anche a Protezione Civile e ai Vigili del Fuoco.
La Protezione Civile avrà il suo spazio web istituzionale riservato, e con autonomia di gestione, sul sito comunale.
Proporremo alla Protezione Civile di incrementare le loro esercitazioni, coinvolgendo periodicamente la cittadinanza in piani di evacuazione e di gestione delle emergenze.

 

Agenda Digitale

Siamo convinti che ogni cittadino abbia il diritto di poter espletare per via telematica qualsiasi pratica presso gli uffici comunali, evitandogli (fatta salva la normativa di legge) di recarsi personalmente presso gli uffici. Questo obiettivo sarà realizzato tramite l’assegnazione a ciascun cittadino di un accesso sicuro ai sistemi informativi comunali (denominato Accesso Unico); per coloro che non possiedono i necessari dispositivi, verranno messe a disposizione postazioni pubbliche opportunamente distribuite sul territorio.
Tramite questo accesso unico il cittadino sarà anche messo in condizione di interfacciarsi con l’amministrazione per richiedere informazioni ed esprimersi sulle consultazioni pubbliche organizzate dall'amministrazione stessa.
Vorremmo lanciare un progetto, in collaborazione con i commercianti, che permetta la copertura wifi gratis di consistenti parti del territorio rivaltese.
Riteniamo inoltre che il comune debba impegnarsi a fare tutte le pressioni e stringere accordi con compagnie provider internet al fine di rendere disponibili a cittadini, enti e imprese locali connessioni internet e/o wifi di prestazioni il più possibile elevate.
Infine, vogliamo iniziare un processo di revisione della situazione hardware e software di gestione del Comune, finalizzata alla riduzione dei costi e al miglioramento delle prestazioni.

 

Partecipazione

Vogliamo superare il fallimentare “bilancio partecipativo” dell’attuale amministrazione, stimolando la creazione di veri e propri Comitati di Quartiere: Villaggio Aurora, Centro, Villaggio Sangone, Gerbole, Tetti Francesi e Pasta. Questi saranno organismi ufficiali, istituzionalizzati con vere e proprie elezioni, attraverso i quali tutti i cittadini potranno contare e assumersi la propria responsabilità civica, partecipando direttamente alle decisioni politiche, influenzando e sottoscrivendo i progetti dell'Amministrazione comunale.
In caso di decisioni politiche e amministrative di particolare rilevanza, Giunta e Consiglio si impegnano a sottoporre a referendum attuato per via telematica, impegnandosi a rispettarne l’esito. Tramite l’Accesso Unico il cittadino verrà chiamato a partecipare alle decisioni.
Vogliamo introdurre nel regolamento del consiglio comunale il "Question Time del cittadino": tramite di esso qualsiasi cittadino, secondo un regolamento da definire, potrà presentare al sindaco o alla Giunta una singola domanda su qualsiasi argomento di interesse pubblico; potrà leggerla durante il consiglio e avere diritto di replica alla risposta dell’amministrazione.

 

Comunicazione e Trasparenza

Garantiremo totale trasparenza dei bilanci del Comune e delle società partecipate mediante pubblicazione permanente sul sito Internet del comune e delle società stesse di tutte le spese e i ricavi effettuati.
Garantiremo inoltre la totale trasparenza degli atti: tutti gli atti e documenti dell’amministrazione comunale saranno interamente disponibili on-line (salvo ove sia pregiudicata la privacy dei cittadini, nei quali casi si oscureranno i soli riferimenti personali) tramite un portale che ne permetta una facile ricercabilità. I singoli atti saranno individualmente e liberamente linkabili, e tutte le comunicazioni online del comune conterranno i link agli atti ufficiali, affinché il cittadino possa consultarli direttamente senza dover effettuare ricerche.
Tramite l’accesso unico, descritto al paragrafo “Agenda Digitale”, metteremo il cittadino nelle condizioni di poter effettuare l’accesso civico ad atti e documenti dell’amministrazione comunale. L’amministrazione si impegnerà inoltre ad inviare al cittadino che ne faccia richiesta, copia di qualunque documento non disponibile on-line (ad esempio per motivi tecnici oppure perché non digitalizzato) entro il termine tassativo di 30 gg solari.
Imporremo effettiva trasparenza e pubblica verificabilità dei redditi, patrimoni e interessi economici di tutti i funzionari, consulenti e collaboratori dell’amministrazione comunale e delle società partecipate, e di tutte le cariche elettive.
Intendiamo rivedere il format di Rivalta Informa, rendendo disponibili due pagine del bollettino per comunicazioni e brevi articoli: una per tutti i gruppi politici rivaltesi presenti in consiglio comunale, e un’altra per le associazioni rivaltesi. Sarà garantito a tutti lo spazio per esprimere le proprie opinioni e presentare le proprie iniziative.

 

Trasporti

La nostra amministrazione rientrerà immediatamente nell’Osservatorio TAV, permettendole di informare i cittadini rivaltesi, di contrattare le decisioni che possano avere un impatto sul territorio rivaltese, ed infine ottenere tutte le compensazioni disponibili.
La nostra amministrazione offrirà la massima collaborazione a tutti i livelli istituzionali, per ottimizzare anche dal punto di vista intermodale l’utilizzo della nuova stazione ferroviaria SFM5 di San Luigi, prevedendo navette e parcheggi di interscambio.
La nostra amministrazione affronterà la problematica della mobilità privata verso Torino, impegnandosi, in tutti i luoghi istituzionali e in coordinamento con i comuni limitrofi, al perseguimento dei seguenti obiettivi:
  • eliminazione del casello di Beinasco;
  • costruzione di un sottopasso della rotonda dell’incrocio di strada S.Luigi con il raccordo Pasta-Dojrone;
  • allargamento, ove tecnicamente e finanziariamente possibile, delle strade provinciali di collegamento tra Rivalta e i paesi vicini;
  • miglioramento dell’illuminazione delle suddette strade.
Per quanto riguarda la borgata Dojrone, crediamo che occorra rendere a doppio senso di marcia la bretella di bypass dell’abitato, in modo da poter riservare l’accesso alla borgata ai soli residenti.
Crediamo che sia possibile migliorare l’esperienza della linea 2R, creando un sistema di navette che colleghi capoluogo, frazioni e, come già accennato, anche la futura stazione ferroviaria SFM5 San Luigi; queste linee potranno essere finanziate anche con il contributo dei centri commerciali del territorio, in cambio di fermate che servano i centri.

 

Raccolta Rifiuti

Con il passaggio alla raccolta porta a porta, i costi della raccolta rifiuti sono diventati particolarmente esosi, senza peraltro corrispondere con un servizio soddisfacente per la cittadinanza.
Ci impegniamo ad un progetto di profonda revisione della modalità di raccolta, finalizzato alla riduzione dei costi e conseguentemente alle tariffe per la cittadinanza.
Vogliamo migliorare in tutti i sensi il servizio ai cittadini fornito dall’Ecocentro.

Affari sociali

  

Scuola

Rivalta e la scuola sono un binomio che renderà la città da vivere non solo oggi, ma anche stabilmente nel suo futuro. Il buon funzionamento del sistema scolastico rivaltese è il terreno di coltura da irrigare poiché in grado di garantire a tutti un sano percorso di crescita ed educazione innanzitutto civica.
Si proseguirà nella realizzazione di interventi atti all’adeguamento alle normativa e alla manutenzione necessaria delle strutture scolastiche, anche nell’ottica del contenimento dei consumi energetici.
Occorre poi fare in modo che asili nido e scuole abbiano orari adeguati ai ritmi moderni, e garantiscano ai genitori lavoratori, specie alle mamme, il supporto necessario per permettere loro qualsiasi scelta in ambito lavorativo, al fine di perseguire una vera parità uomo-donna in ambito lavorativo.
A tale scopo, quindi, si cercherà di mantenere e incrementare i servizi a favore delle famiglie: pre-accoglienza e doposcuola, centri estivi, trasporto scolastico, coinvolgendo ove possibile i giovani del territorio e usufruendo di fondi (quali ad es. quelli del progetto “Reciproca solidarietà e lavoro accessorio” finanziato dalla Compagnia di San Paolo).
Ci poniamo l’obiettivo di un progressivo potenziamento del nido comunale, finalizzato all’aumento negli anni della capienza del servizio fino a poter accogliere tutte le richieste.
Sarà certamente rafforzata la collaborazione tra il sistema scolastico locale e le associazioni cittadine, in modo da arricchire l’offerta culturale e sportiva, sia dal punto di vista formativo che da quello del singolo evento, e utilizzando sia le sedi comunali che quelle associative.
Gli edifici scolastici dovrano poter essere impiegati in orari extra-curriculari come risorsa territoriale diffusa, per attività di aggregazione, formazione e d’incontro. In tale direzione risulta necessario estendere le competenze professionali dei docenti.
Sempre perseguendo l’obiettivo di collaborazione costante tra scuola e amministrazione comunale crediamo opportuno l’inserimento dell’Assessore alle politiche scolastiche come membro del Consiglio d’Istituto.
Vogliamo premiare gli studenti rivaltesi (scuola primaria e secondaria, università, premio di laurea) più meritevoli, mettendo a bando dei premi di studio che coprano una parte delle spese sostenute lungo i loro percorsi di studio.
Creeremo inoltre, nell’ambito dell’ufficio scuola, uno sportello in grado di fornire a studenti e famiglie tutte le informazioni necessarie per accedere ai bandi disponibili per borse di studio e contributi scolastici, per tutte le scuole di ordine e grado, con particolare riferimento alle Università.

 

Politiche sociali, salute, disabilità

Perseguiremo un potenziamento del servizio dei medici di base, che risulta insufficiente alla maggior parte degli assistiti, adeguandolo al numero degli abitanti e alle loro esigenze, con orari più accessibili e un servizio quotidiano incrementato rispetto a quello attuale.
Pensiamo inoltre alla creazione di un poliambulatorio per le esigenze primarie dove, oltre al medico di base, si potranno inserire professionisti medici in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, per offrire un elevato numero di servizi sanitari per i cittadini.
Verrà costituito un gruppo di lavoro, coinvolgendo le associazioni locali che si occupano di disabilità, per intervenire sulle problematiche dei cittadini disabili, tra cui:
  • il monitoraggio della presenza di barriere architettoniche sul territorio, allo scopo di lavorare con l’assessorato ai lavori pubblici e con i privati per il loro abbattimento;
  • la revisione della collocazione dei posteggi disabili in modo che ne esistano in tutti i luoghi di interesse civico.

 

Casa

Vogliamo istituire agevolazioni per i proprietari di alloggi disponibili ad affittare tramite convenzioni, rafforzando il contributo complessivo disponibile per il sostegno all’affitto.
Vogliamo sviluppare il co-housing tramite la ricerca di investimenti privati interessati a progetti di costruzione e gestione del patrimonio comunale.

 

Lavoro

E’ prevista la creazione di un Centro di Formazione che possa erogare corsi finalizzati all’arricchimento del curriculum formativo dei disoccupati, in particolare giovani. Tale centro potrà essere creato in collaborazione con i comuni limitrofi, e dovrà essere finanziato da fondi europei, regionali e sponsor istituzionali e privati, in modo di pesare il meno possibile sulle finanze comunali.
Al Centro di Formazione dovranno affiancarsi laboratori professionali e altre iniziative in grado d’offrire agli allievi l’opportunità di avviare un percorso di sperimentazione concreta di apprendistato delle arti e dei mestieri, che favoriscano la professionalizzazione dei giovani o la riqualificazione dei lavoratori in difficoltà.
Saranno promosse iniziative mirate allo sviluppo attraverso il microcredito, i fondi di garanzia rotativi ed il co-working, individuando spazi da porre in condivisione come incubatori d’idee e per l’imprenditoria start-up.
Verrà incrementata la dotazione finanziaria impiegata per le politiche attive del lavoro nel bilancio comunale e parallelamente saranno stimolati gli investimenti che andranno nella medesima direzione.
Favoriremo la presentazione di progetti da candidare sui bandi pubblici di finanziamento per attrarre ulteriori risorse.

 

Giovani

Occorre dar modo ai giovani di trovare in Rivalta tutto ciò di cui hanno bisogno, dall’educazione al lavoro, dallo sport allo svago, dalla cultura agli spazi e le occasioni di aggregazione.
I giovani saranno quindi i primi destinatari di tutte le politiche attive per il lavoro descritte al capitolo precedente, in particolare di tutte le iniziative di formazione, avviamento al lavoro e di imprenditoria giovanile.
A questo fine, sarà necessario potenziare l’InformaGiovani comunale, per farlo diventare il luogo di informazione diretta, costante e puntuale, offrendo a tutti i giovani opportunità di conoscenza del territorio, di partecipazione a bandi di ogni tipo e di organizzazione efficace del loro tempo. Organizzeremo incontri di orientamento su tematiche relative a scuola, università e lavoro, e mobilità verso l’estero, in collaborazione con le istituzioni regionali, enti privati e associazioni.
Vorremo realizzare con i giovani eventi (rassegne, concerti, gare sportive, ecc…) di rilievo che li vedranno coinvolti attivamente e daranno visibilità al territorio. Verrà inoltre sostenuta ed incentivata l’esperienza del Consiglio Comunale dei Ragazzi.
Per i giovani in età scolare in fascia 6-14, promuoveremo soggiorni di tipo colonia, trovando risorse pubbliche e private e progettandone la realizzazione.

 

Anziani

Ci impegneremo ad incrementare i servizi a favore degli anziani, quali il trasporto a chiamata per necessità personali, l’assistenza domiciliare, la cura e l’igiene della persona, i servizi sanitari e la consegna dei farmaci a domicilio.
Occorre poi favorire tutte le proposte di svago per gli anziani, centri, corsi di ginnastica e altro, viaggi e soggiorni vacanze/climatici.
Vogliamo prevedere incentivi volti a favorire i progetti intergenerazionali, come ad esempio programmi di tutoraggio, le consulenze e altre attività di volontariato nelle scuole e in altri istituti da parte di anziani, e le forme di coabitazione intergenerazionale.

 

Associazioni

Per gestire al meglio la grande ricchezza data dalle molte associazioni rivaltesi, crediamo che sia essenziale dotarsi dello strumento del “Tavolo dell’Associazionismo e del Volontariato”, con funzioni di coordinamento, co-progettazione , e promozione delle attività per evitare la sovrapposizione degli eventi e rendere massima l’efficacia del lavoro delle associazioni stesse.
Vogliamo riprogettare e riconsiderare le concessioni di spazi comunali, in modo da mettere in grado le associazioni non solo di avere una sede, ma di poter anche effettuare attività ed eventi con più facilità.
Vogliamo inoltre favorire la fusione fra associazioni simili, ed i progetti frutto di vera ed effettiva collaborazione fra due o più associazioni.
Ci preme la valorizzazione dell’associazionismo locale, dando la precedenza, pur nei limiti normativi, alle associazioni e cooperative locali storiche, rispetto a quelle esterne al territorio.
Riteniamo che ogni associazione iscritta all’albo comunale possa avere un suo spazio sul sito internet del comune, gestibile autonomamente.
Tramite le associazioni, vogliamo incentivare manifestazioni dedicate alle tradizioni locali (es. antichi mestieri, antichi prodotti, ecc.)

Edilizia e Lavori pubblici

 

Urbanistica ed Edilizia privata

Vogliamo promuovere politiche e progetti di investimento pubblico e privato per la rigenerazione del patrimonio edilizio cittadino finalizzato al risparmio, all’efficienza energetica, e al miglioramento del decoro urbano. In quest’ottica, proporremo bonus e incentivi fiscali importanti per tutti i privati che compiano interventi volti alla ristrutturazione e al miglioramento dei loro fabbricati.
Ulteriori incentivi saranno proposti per il recupero dei fabbricati agricoli abbandonati, sia a fini di sviluppo agricolo, che a fini residenziali.

 

Lavori pubblici e Manutenzioni

Vogliamo istituire l’Albo Fornitori riservato ai fornitori rivaltesi, al fine di incentivare l’affidamento dei lavori di costruzione e/o manutenzione a imprese locali, pur nel completo rispetto delle normative.
Crediamo che la migliore soluzione per ovviare al sottoutilizzo di piazza Gerbidi sia la costruzione di una copertura che permetta l’utilizzo di quello spazio nelle occasioni più diverse. A tale copertura sarà associata la costruzione di una sala polivalente da mettere a disposizione delle associazioni rivaltesi. La migliore soluzione sarà però individuata tramite la presentazione ai cittadini di diversi progetti su cui essi si pronunceranno democraticamente.
Occorrerà quindi risolvere in modo strutturale e definitivo i problemi funzionali che affliggono l’auditorium di v.le Cadore.
Per quanto riguarda la borgata Dojrone, crediamo sia inderogabile affrontare il problema del collegamento della locale fognatura alla sistema fognario di SITO.
Vogliamo ripristinare l’impianto di irrigazione del parco del castello.
Vogliamo istituire un piano di manutenzione, da rielaborare annualmente, della manutenzione di strade e marciapiedi, definito su tre livelli di intervento: primo livello affidato al servizio dei cantonieri comunali, secondo livello per manutenzioni localizzate con importo di spesa al di sotto dei €40.000, terzo livello appalti per importo al di sopra dei €40.000 per il ripristino ad ampio raggio del manto.
Per quanto riguarda quelle rotonde la cui manutenzione è assegnata ai privati in cambio di diritti pubblicitari, crediamo sia necessario definire un capitolato di manutenzione con adeguata verifica del rispetto del medesimo.

 

Viabilità interna

Vogliamo indire un bando per la presa in carico da parte del Comune di tutte le vie private ad uso pubblico i cui proprietari desiderino passarne la gestione al Comune.
Vorremmo iniziare un processo di progressiva sostituzione, dove fisicamente possibile, degli impianti semaforici con rotonde, unitamente alla revisione del posizionamento e della effettiva utilità dei sistemi di controllo del rispetto del c.d.s., quali VistaRed o autovelox in genere.
Riteniamo che l’utilizzo dei dossi al fine di moderazione della velocità sia stato esagerato, e proponiamo lo studio di soluzioni alternative, quali dossi mobili (che si attivano in funzione della velocità del veicolo che sopraggiunge), impianti fissi di controllo della velocità, oppure, dove urbanisticamente possibile, revisione dell’arredo urbano in modo da ottenere un rallentamento naturale della circolazione (concetto di woonerf).
Quando la situazione dei parcheggi limitrofi lo permetterà, proponiamo la rimozione del parcheggio da Piazza della Pace, mantenendo però la corsia di passaggio delle auto. L’area verrà concessa come dehors ai locali prospicienti che saranno invitati a installare strutture possibilmente coperte. La concessione sarà gratuita se tali locali, individualmente o in consorzio fra loro, organizzeranno un adeguato programma di eventi.

 

Edilizia scolastica

Come già detto nel capitolo rguardante la scuola, proseguiremo nella realizzazione di interventi atti all’adeguamento alle normativa e alla manutenzione necessaria delle strutture scolastiche, anche nell’ottica del contenimento dei consumi energetici.

Attività Economiche

 

Servizi – Smart City

Crediamo che il Comune debba favorire tutte le iniziative volte a stimolare l’efficienza e la concorrenza nei servizi esercitati dai privati: servizi bancari, assicurativi, postali, sanitari, ecc.
In particolare, il comune eserciterà tutte le pressioni e le mediazioni possibili, a tutti i livelli, nei confronti dei fornitori di servizi, in modo da perseguirne il miglioramento. Si curerà in modo particolare la disponibilità delle agenzie (poste, banche, assicurazioni, ecc.), della consegna della corrispondenza, della disponibilità di provider internet e wifi, di studi medici anche di base, ambulatori, ecc.

 

Industria e Artigianato

Rivalta dovrà essere un punto di attrazione della piccola e media impresa piemontese: lo consentiranno le infrastrutture già presenti sul nostro territorio, e quelle che verranno costruite nel prossimo futuro.
Crediamo che sia necessaria una decisa riduzione delle tasse comunali e delle tariffe riservate alle attività economiche presenti nel territorio rivaltese, con particolare attenzione nei confronti di quelle di nuovo insediamento, in modo da rendere il più possibile appetibile il nostro territorio per nuove attività o rilocazioni di attività esistenti.

 

Agricoltura

Crediamo che occorra rilanciare la vocazione agricola del paese, incentivando la creazione e lo sviluppo di tutte quelle organizzazioni che per loro natura possano promuovere le colture di qualità e di tipo bio, come gruppi, consorzi, associazioni di tutela, eccetera.
Questo obiettivo deve passare anche tramite il recupero degli appezzamenti di terreno abbandonati, incentivando i giovani e/o disoccupati al ritorno all’agricoltura, tramite affitto agevolato e/o in comodato d’uso.
Vogliamo inoltre promuovere attività di formazione agricola in modo da proporre l’agricoltura come opportunità di occupazione.
Occorrerà inoltre riservare una particolare attenzione agli agricoltori locali sia nell’organizzazione dei mercati locali, che negli eventi periodici.
Incentiveremo infine il ritorno all’irrigazione naturale, mediante ripristino delle derivazioni di irrigazione dal fiume Sangone.

 

Commercio

Crediamo che sia fondamentale istituire un “Tavolo del commercio”, luogo di confronto permanente tra amministrazione e commercianti, che permetta di definire strategie comuni e coordinamento.
Tramite questo tavolo, incentiveremo l’organizzazione di eventi in collaborazione tra amministrazione comunale, commercianti e associazioni, che valorizzino e promuovano prodotti e specificità locali, quali manifestazioni, fiere, mercati dei produttori, sagre. Vogliamo istituire inoltre un calendario di mercati specifici quali antiquariato, modernariato, ecc.
Vogliamo promuovere progetti sperimentali/pilota avvalendosi di bandi e finanziamenti regionali ed europei, che possano costituire bonus ed incentivi per i negozi di vicinato.
Inderogabile è la semplificazione degli adempimenti burocratici e contenimento dei tributi locali, a partire dalle tariffe di raccolta rifiuti.

 

Cultura e Turismo

Rivalta possiede un patrimonio storico ed artistico di tutto rilievo, che attende solo di essere valorizzato, come il Monastero e il suo parco, il Castello degli Orsini, il Ricetto, la chiesa dei SS. Vittore e Corona e quella di S. Croce, e anche il Rifoglietto. Per questi edifici occorre trovare destinazioni e modalità d’uso che uniscano al più appropriato utilizzo socio-culturale-commerciale, una gestione economicamente sostenibile. Per questo occorrerà passare da una fase progettuale che sarà effettuata tramite bando di concorso di idee.
Proponiamo un investimento strategico per lo sviluppo sociale, economico e turistico di Rivalta, attraverso un sistema che coinvolga istituzioni pubbliche, enti privati, cittadini e associazioni, che si riuniranno in un “Tavolo della Cultura e del Turismo” attorno al quale far confluire e mettere in relazione tutte le richieste dei rivaltesi.
Questa collaborazione porterà all'organizzazione dell’iniziativa “100 Eventi per Rivalta”: un percorso turistico-culturale fatto di 100 eventi di varia natura (mostre, rassegne culturali, eventi musicali, teatrali, sportivi) che coinvolga rivaltesi e visitatori attraverso iniziative mirate all'aggregazione, utilizzando sia i luoghi storici citati, che tutti gli altri spazi della città, frazioni incluse, per trasformare in attraente e fruibile turisticamente il nostro territorio.
Importante spazio in questo programma culturale sarà dato alla tutela delle tradizioni locali, a partire dalla lingua piemontese, alla storia di Rivalta, dei suoi luoghi storici e dei suoi personaggi, per finire con i prodotti enogastronomici locali.
Nel corso dell’anno tutti i siti storici saranno sempre visitabili in modo tale da regalare ai visitatori occasionali o agli studiosi di storia dell’arte l’opportunità di apprezzare il quadro d’insieme di tutto ciò che Rivalta è in grado di offrire.
Vogliamo rilanciare l’iniziativa dei “Punti Verdi” estivi, collocati al Parco del Monastero, P.za Filippa e Via Toti, dove agli spettacoli (teatrali, musicali e cinematografici) si affiancheranno iniziative di street food.
Vogliamo riprogettare il bando per l’auditorium, separando la gestione da tutti gli altri aspetti.

 

Ambiente ed Energia

Vogliamo istituire il monitoraggio della qualità dell’aria mediante l’installazione nel territorio comunale di proprie centraline di controllo e pubblicazione sul sito web del comune in tempo reale delle misurazioni effettuate.
Sarà una priorità la lotta contro le zanzare, perché riteniamo un valore di benessere pubblico permettere ai cittadini di riappropriarsi degli spazi verdi pubblici e privati. Essa sarà fatta di concerto con IPLA e Regione Piemonte, e con i comuni limitrofi, e basata su metodologie ecosostenibili. Sarà a cura del comune negli spazi pubblici, e a cura dei privati negli spazi privati, incentivata con detrazioni fiscali.
Proporremo incentivi all’ammodernamento degli impianti energetici per migliorare l’efficienza, da finanziare tramite fondi regionali, statali ed europei.

Auguri a tutte le mamme

domenica, maggio 14, 2017 Michele Colaci Staff

“Il cuore di una madre è un abisso in fondo al quale si trova sempre un perdono”. (Honoré de Balzac)

Un augurio di cuore a tutte le mamme, Michele




Rivalta da Vivere - Servizi e Viabilità

giovedì, maggio 11, 2017 Michele Colaci Staff

Rivalta diventerà da vivere se i servizi comunali raggiungeranno tutti i cittadini in modo tale che soprattutto gli anziani residenti nelle frazioni ne possano usufruire senza doversi obbligatoriamente recare in centro. Verranno messe in campo misure mirate a difendere la qualità della loro vita ed a conservare la loro autonomia ed indipendenza.

Il Comune prenderà in carico le strade private ad uso pubblico, dove possibile e provvederà altresì alla revisione di tutta la segnaletica verticale, orizzontale e luminosa. Procederà inoltre alla definizione di un capitolato di manutenzione delle rotonde e verificherà il rispetto dello stesso da parte dei privati assegnatari.

Alcuni lavori della tratta nazionale Torino–Lione saranno anticipati per ottimizzare il trasporto integrato nell’area di Torino e cintura; tra questi anche il progetto, già completamente finanziato con 60 milioni di euro, della linea ferroviaria Sfm5 presentato recentemente dal ministro dei trasporti Delrio, dall’amministratore delegato di Rfi Gentile, dal governatore del Piemonte Chiamparino e dal commissario di governo Foietta.

E’ quindi un’infrastruttura che si rivelerà fondamentale per collegare Rivalta con tutta l’area metropolitana e consentire ai rivaltesi di muoversi agevolmente. Sarà un impegno prioritario dell’amministrazione comunale appoggiare l’iter di tale progetto perché sarebbe davvero assurdo, insensato e soprattutto irresponsabile gettare al vento il lavoro di anni.

Verrà migliorata l’esperienza della linea 2R creando un sistema di navette che collegherà capoluogo, frazioni e la futura stazione ferroviaria San Luigi.

Sarà creato un arredo urbano adeguato al territorio nonché una copertura in diversi punti col Wi-Fi libero in collaborazione coi commercianti. Senza dimenticare la riqualificazione del cimitero e la revisione del regolamento comunale cimiteriale.


Rivalta da Vivere - La Scuola

lunedì, maggio 08, 2017 Michele Colaci Staff

Rivalta sarà da vivere soprattutto se impegnerà le sue risorse umane e finanziarie per investirle nella scuola, tassello imprescindibile nella vita di ogni città.

Sarà certamente rafforzata la collaborazione tra il sistema scolastico locale e le associazioni cittadine in modo da arricchire l’offerta culturale (musica, teatro, danza) e sportiva, sia dal punto di vista formativo sia da quello del singolo evento; utilizzando in particolare le sedi comunali (biblioteca, teatro, monastero, sala mulino, piazze, etc.) ed associative.

Così come verranno potenziati tutti i servizi legati al doposcuola attraverso il coinvolgimento diretto dei giovani sul territorio, usufruendo del progetto “Reciproca solidarietà e lavoro accessorio” finanziato dalla compagnia di San Paolo.

Gli edifici scolastici saranno impiegati per attività di aggregazione, di formazione e d’incontro in orari extra-scolastici. In tale direzione risulta necessario estendere le competenze professionali dei docenti. 

Sempre perseguendo l’obiettivo di avvicinare Rivalta alla scuola occorre inserire l’assessore alle politiche scolastiche come membro del consiglio d’istituto per garantire un dialogo costante con l’amministrazione comunale. E verrà sostenuto ed incentivato il consiglio comunale dei ragazzi.

Rivalta e la scuola sono un binomio che renderà la città da vivere non solo oggi, ma anche stabilmente nel suo futuro. Il buon funzionamento del sistema scolastico rivaltese è il terreno di coltura da irrigare poiché in grado di garantire a tutti un sano percorso di crescita ed educazione innanzitutto civica.

Rivalta da Vivere - Lavoro, Natura e Sport - Nuova vita per la Collina Morenica Rivaltese

venerdì, maggio 05, 2017 Michele Colaci Staff



La collina morenica rivaltese è uno spazio vastissimo e meraviglioso in cui esplorare, passeggiare, imparare e praticare attività fisica.

Peccato che negli anni vi sia stata una trascuratezza ed incuria di questi spazi...Di conseguenza tanti posti e tanti sentieri agibili, che erano segnalati una volta, oggi non lo sono più per nessuno.

Bisogna cercar di fare qualcosa per la riqualificazione della nostra collina, così da renderla più accessibile e fruibile da tutti i rivaltesi e non solo.

La nostra collina ha una storia… quindi per prima cosa bisognerebbe sistemare i sentieri storici e quelli già esistenti, valutando bene quali si possano mantenere e quali vadano modificati o ricostruiti, in maniera da rendere più piacevole e meno faticosa una camminata o una pedalata; oggi si rischia di incombere in pericoli come: alberi caduti che bloccano il passaggio, voragini coperte da foglie, canali di scolo secolari e pietre smosse pericolosi sia per i ciclisti che per i pedoni.

Successivamente occorrerebbe ridisegnare ed aggiornare una piantina della collina con una segnaletica chiara. Si potrebbe creare una rete di vie boschive con diverse lunghezze e difficoltà adatte sia a chi vuole passeggiare, ma anche adatte a chi vuole allenarsi correndo o pedalando.

La rete di sentieri potrebbe includere anche Rivoli, Villarbasse e Reano, aggirandosi sui 40\50 km di lunghezza e sui 2000m di dislivello complessivi tra salite e discese.

Questa operazione sarebbe utile non solo per la riqualificazione di ciò che esiste già, ma anche con l’intenzione di inserire nuove attività a Rivalta collegate all'uso della collina e al rispetto dei suoi boschi.

Le attività in questione potrebbero essere racchiuse in un centro sportivo dedicato al mondo della bicicletta, ubicato ipoteticamente alla base dei boschi.

In questo meraviglioso centro si potrebbero praticare le seguenti attività:

- un Bar, per dissetare e fornire accoglienza ai fruitori della collina e del centro sportivo, ma anche per l’organizzazione di feste al di fuori del centro rivaltese.

- un divertente percorso per le balance bike, cioè un  percorso ad anello con leggerissime pendenze e gobbe dedicato ai bambini più piccoli 1 (da 2 a 8 anni); in questo modo sarà possibile offrire ai piccoli un posto sicuro dove iniziare a prendere confidenza con la bici e con l’equilibrio  mediante le bici senza pedali.

- una zona di allenamento per tutti i biker dal più esperto al meno esperto, dove praticare: pump track , cross country, enduro e persino downhill. Un'area che permetterà di imparare a gestire la spinta delle gambe ed aumentare la sensibilità sulla bici in un tracciato tecnico ad anello che permette di accelerare mediante la forza centrifuga.



- un'area dedicata al dirt park, una serie di salti studiati appositamente per progredire in sicurezza nella pratica del freestyle, quindi per poter effettuare manovre aeree mediante l’uso della bmx o della dirt bike.



- un percorso north shore, consiste in un tracciato con ostacoli e passerelle in cui poter affinare l’equilibrio e la sensibilità sulla bicicletta, anch'esso adatto a qualsiasi livello di biker e a qualsiasi età.



- un noleggio e-bike, bici elettriche per permettere anche ai meno allenati e competitivi di poter apprezzare le bellezze della collina e di Rivalta, senza troppa fatica! Infatti il motore elettrico aiuta e sostiene lo sforzo delle gambe rendendo la bicicletta elettrica il mezzo perfetto per godere del piacere di una pedalata.

In futuro se l’utilizzo di questo mezzo si diffondesse, sarebbe utile introdurre delle domeniche pedonali in cui bloccare il traffico auto nel centro di Rivalta, promuovendo l'uso delle bici a pedalata assistita a zero emissioni.

- officina ciclistica, il centro e-bike sarebbe fornito di una piccola officina per la manutenzione delle proprie bici, ma anche per dare un servizio di assistenza ai ciclisti di passaggio o in giro per la collina.



- organizzazione gite ed eventi in collina, una volta riqualificata la collina ed i suoi sentieri si potrebbe organizzare un calendario di: gite organizzate in bicicletta, eventi musicali, mostre artistiche o rievocazioni storiche lungo i sentieri della collina.



Inoltre il bosco di Rivalta di Torino potrebbe essere il luogo ideale per uno splendido Adventure park, ricco di percorsi ad ostacoli sugli alberi, ponti tibetani, scale a pioli e liane! Una splendida attrattiva suddivisa in vari livelli principianti per i bambini e avanzato con percorsi più complessi e adatti anche agli adulti.



Per finire un’altra zona della collina potrebbe essere adibita a percorso didattico di sopravvivenza, in cui racchiudere attività per le scuole materne e medie: come l’accensione di un fuoco, il riconoscimento di orme e vegetazione della collina, corsi di orientamento o la creazione di vasi in argilla e suppellettili utili a rivivere la nostra storia e le origini dell'uomo.

Si potrebbe poi dedicare uno spazio anche per i più grandi dove praticare partite di soft air, corsi e serate di sopravvivenza.



Insomma un progetto ambizioso, ricco di nuove attività per tutti, ma sopratutto dedicato al cittadino.

Uno spazio di intrattenimento sano e costruttivo, per apprezzare la natura, per arricchire e valorizzare Rivalta ed il suo territorio ed infine per riqualificare il turismo rivaltese ormai assopito.

Testo e progetto redatto ed ideato da Bruno Enrico

Rivalta da Vivere - Giovani

martedì, maggio 02, 2017 Michele Colaci Staff

Rivalta da vivere per i giovani è certamente uno degli obiettivi più significativi da raggiungere per far sì che rimanga viva. Occorre dar loro modo di trovare in città ciò di cui hanno bisogno.
E’ prevista la progettazione e creazione di un Centro di formazione, finanziato da fondi sia europei che regionali oltreché da sponsor privati, che possa erogare corsi finalizzati all’arricchimento del loro curriculum.
Saranno promosse molte iniziative mirate allo sviluppo attraverso il microcredito, i fondi di garanzia rotativi ed il co-working, cioè poter usufruire di spazi in condivisione come incubatori d’idee e per l’imprenditoria giovanile.
Con i giovani verranno realizzati eventi (rassegne, concerti, etc.) di rilievo che li vedranno coinvolti attivamente e daranno visibilità al territorio.
Per i giovani verrà messa in cantiere la realizzazione di laboratori professionali in grado d’offrire loro l’opportunità di avviare un percorso educativo, formativo e di sperimentazione concreta di apprendistato delle arti e dei mestieri. E consentirà anche la riqualificazione dei lavoratori in difficoltà.
Verrà incrementata la dotazione finanziaria impiegata per le politiche attive del lavoro nel bilancio comunale e parallelamente saranno stimolati gli investimenti che andranno nella medesima direzione.
Favorire la presentazione di progetti da candidare sui bandi pubblici di finanziamento per attrarre ulteriori risorse sarà un ulteriore impegno al quale non ci si potrà sottrarre.
Così come sarà necessario potenziare l’Informagiovani comunale quale luogo d’informazione diretta, costante e puntuale, offrendo ai giovani opportunità quotidiane di conoscenza del territorio, di partecipazione a bandi di ogni natura e di organizzazione efficace del loro tempo.

Primo Maggio, festa dei lavoratori

lunedì, maggio 01, 2017 Michele Colaci Staff

“La vera libertà individuale non può esistere senza sicurezza economica ed indipendenza. La gente affamata e senza lavoro è la pasta di cui sono fatte le dittature”. (Franklin Delano Roosevelt)

Buona Primo Maggio
Michele Colaci

Rivalta da Vivere - Sicurezza

giovedì, aprile 27, 2017 Michele Colaci Staff

Rivalta da vivere significa innanzitutto poterlo fare senza paura, ovvero che i rivaltesi possano viverci in totale sicurezza, senza doversi preoccupare dei furti nelle case che hanno raggiunto delle soglie insostenibili. Significa che abitare a Rivalta non può e non deve essere motivo di timore alcuno per nessuno.

A tal proposito verrà proposto un incremento della vigilanza sul territorio da parte della Polizia municipale con l’aumento dell’orario notturno delle pattuglie, da ottenere attraverso la concertazione di nuovi contratti integrativi di lavoro. Così come sarà necessario che le telecamere esistenti vengano collegate alla stazione dei Carabinieri e che la vigilanza privata sui beni pubblici sia costantemente in contatto sia con la Polizia municipale che con i Carabinieri stessi.

Sicurezza partecipata attraverso il meccanismo del controllo di vicinato. Verrà avanzata una proposta per creare un contatto attivo 24 ore su 24, collocato in un “Edificio della Sicurezza” che sia sempre in collegamento con le forze dell’ordine, utile al cittadino per segnalare qualsiasi situazione di emergenza. Verrà altresì proposta la sottoscrizione di una convenzione con una ditta specializzata del settore, attraverso un bando, e ad ogni cittadino che aderirà verrà riconosciuto uno sconto a fronte della spesa sostenuta per il servizio pubblico reso.

Sarà introdotto il vincolo di parere del sindaco per ogni attività connessa all'ospitalità dei migranti, così com'è vincolante quello della Giunta comunale, sempre sulla base dell’ordine pubblico e del benessere collettivo. Non ci può essere accoglienza senza sicurezza. Impegno nell'adozione di tutte le misure previste dal decreto del ministro Minniti, in violazione del quale è previsto l’allontanamento.

Certamente una delle condizioni prioritarie per vivere bene è non avere paura, sentirsi sicuri, al riparo dalle minacce alla propria intimità domestica e dai rischi e pericoli che ne conseguono. E’ una delle urgenze cui si deve far fronte affinché i cittadini scelgano di vivere a Rivalta perché si sentono protetti.



Rivalta da Vivere - Cultura e Turismo

lunedì, aprile 24, 2017 Michele Colaci Staff

Rivalta merita di diventare una città da vivere per tutti perché possiede un patrimonio storico ed artistico di tutto rilievo che attende solo di essere valorizzato, come il Parco del Monastero, il Castello degli Orsini e la Chiesa dei Santi Vittore e Corona.

Cento eventi di varia natura per cento sere da condividere a Rivalta è uno dei modi per riuscirci. Un percorso culturale che coinvolga i rivaltesi attraverso iniziative mirate all'aggregazione e alla loro partecipazione attiva alla vita sociale della città, territorio vocato a diventare attraente e fruibile anche per il turismo. E le biblioteche saranno uno dei punti focali attraverso il quale si articolerà questo cammino comune.

E’ necessario proporre un sistema socio-culturale costruito grazie alla collaborazione tra istituzioni pubbliche, cittadini ed associazioni in grado di sostenere lo sviluppo sociale, economico e turistico di Rivalta. A tale scopo nascerà un tavolo della cultura attorno al quale far confluire e mettere in relazione tutte le richieste dei rivaltesi.

La creazione di un polo culturale integrato all'interno del Castello sarà strategica in tale direzione; polo che sarà dotato di biblioteca, mediateca, aula studio, sala conferenze e ludoteca. Le  aree del Castello ancora da completare avranno destinazioni di carattere turistico.

Nel corso dell’anno tutti i siti storici saranno sempre visitabili in modo tale da regalare ai visitatori occasionali o agli studiosi di storia dell’arte l’opportunità di apprezzare il quadro d’insieme di tutto ciò che Rivalta è in grado di offrire. A cominciare dal suo Castello, vero e proprio simbolo della città, destinato ad essere il centro organizzativo di tutti gli eventi cittadini e non solo.
Cultura e turismo cammineranno inscindibilmente insieme perché saranno essenziali nel contribuire a rendere Rivalta un luogo da visitare oltreché da vivere.